Euclide Certificazione Energetica


La soluzione software più intuitiva per:
  • La verifica delle dispersioni termiche
  • Il calcolo del fabbisogno energetico
  • La certificazione energetica (normativa nazionale e varie normative regionali)

    Adeguamento del software alla norma UNI/TS 11300-2:2019, entrata in vigore in data odierna (8 maggio 2019), che prevede la possibilità di calcolare i fabbisogni energetici di acqua calda sanitaria anche in presenza di recuperatori di calore dai reflui delle docce. I dati dei recuperatori di calore devono essere indicati per ciascuna zona nella pagina ACS

    Aggiornamento alle nuove FAQ del MiSE "Chiarimenti in materia di efficienza energetica in edilizia" pubblicate nel mese di dicembre 2018:
    1) verifica della trasmittanza media (FAQ 3.19): la verifica della trasmittanza delle strutture, comprensive di ponti termici, viene ora effettuata per tutte le strutture della stessa tipologia indipendentemente dall'orientamento, raggruppandole per:
    - Strutture opache verticali
    - Strutture opache orizzontali o inclinate di copertura
    - Strutture opache orizzontali di pavimento;
    come da Appendice B del Decreto 26 giugno 2015 “Decreto requisiti minimi”
    2) verifica della condensa interstiziale (FAQ 3.11): la verifica tiene ora conto della evaporazione (così da considerare la condensa presente alla fine del ciclo annuale)
    3) verifica delle fonti rinnovabili in caso di ampliamento di edifici (FAQ 3.7 e 3.8): la verifica viene ora effettuata solo se viene attivato il flag "Parametri e opzioni | Opzioni di calcolo | Edificio sottoposto a ristrutturazione rilevante (D. LGs. 28/2011)"
    4) verifica di eta100 e COP in caso di generatori per servizio solo di ACS (FAQ 2.39): la verifica non viene più effettuata
    5) PDC a gas (FAQ 3.19): il valore di SPF è determinato come rapporto fra SCOP e 0.46. Il valore di SPF è utilizzato all'interno della formula di calcolo dell'energia rinnovabile estratta dalle pompe

    Aggiunte 140 nuove strutture verticali ed orizzontali, con relativa stratigrafia, suddivise nelle seguenti categorie:

    - Murature in blocchi tipo "Poroton"
    - Elementi in calcestruzzo
    - Pareti in legno
    - Tramezzature

    - Solai interpiano in latero-cemento
    - Solai interpiano tipo "Predalles"
    - Solai interpiano in legno
    - Solai di copertura in latero-cemento
    - Solai di copertura tipo "Predalles"
    - Solai di copertura in legno

    Nuova funzione "Bilancio Edificio-Impianto" per l'analisi approfondita del sistema. Sarà possibile visualizzare, tramite diversi grafici a torta, la ripartizione dei fabbisogni di energia per i singoli servizi e, per ciascuno di essi, il relativo dettaglio. Ad esempio, per il riscaldamento, sarà possibile visualizzare la percentuale di incidenza sul totale dei sottosistemi di generazione, distribuzione, regolazione ed emissione e le perdite per ventilazione e per trasmissione dei componenti dell'involucro

    Nuovo wizard "interventi migliorativi" che, all'interno della funzione "Bilancio Edificio-Impianto", suggerisce quali interventi possano incidere maggiormente sul miglioramento della prestazione energetica dell'edificio evidenziando quali strutture disperdenti e/o componenti dell'impianto dovrebbero essere oggetto di intervento

    Interfaccia utente: introdotto nuovo pannello dei comandi, sensibile al contesto, che mostra tutte le operazioni disponibili all'interno della sezione attiva in quel momento. Il pannello, che di default scompare dopo l'utilizzo, può essere lasciato permanentemente aperto utilizzando l'icona “a forma di puntina”

Tutte le novità della versione 2019

Versione v10.01c

  • APE Regione Toscana: adeguamento del software al nuovo tracciato di scambio .xml “APEx2015_[ridotto]_(v12).xsd” entrato in vigore il 21 maggio 2019
Versione v10.01b

  • Adeguamento del software alla norma UNI/TS 11300-2:2019, entrata in vigore in data odierna (8 maggio 2019), che prevede la possibilità di calcolare i fabbisogni energetici di acqua calda sanitaria anche in presenza di recuperatori di calore dai reflui delle docce. I dati dei recuperatori di calore devono essere indicati per ciascuna zona nella pagina ACS
  • Nuovo comando "Sostituisci struttura singolo elemento" che permette di sostituire la struttura dell'elemento dell'elemento selezionato. Ricordiamo altresì che è disponibile la funzione Strutture | Sostituisci strutture che permette invece di sostituire tutte le strutture di quel tipo presenti nel documento

  • Aggiornamento della tabella dei comuni
Versione v10.01a

  • Aggiornamento alle nuove FAQ del MiSE "Chiarimenti in materia di efficienza energetica in edilizia" pubblicate nel mese di dicembre 2018:
    1) verifica della trasmittanza media (FAQ 3.19): la verifica della trasmittanza delle strutture, comprensive di ponti termici, viene ora effettuata per tutte le strutture della stessa tipologia indipendentemente dall'orientamento, raggruppandole per:
    - Strutture opache verticali
    - Strutture opache orizzontali o inclinate di copertura
    - Strutture opache orizzontali di pavimento;
    come da Appendice B del Decreto 26 giugno 2015 “Decreto requisiti minimi”
    2) verifica della condensa interstiziale (FAQ 3.11): la verifica tiene ora conto della evaporazione (così da considerare la condensa presente alla fine del ciclo annuale)
    3) verifica delle fonti rinnovabili in caso di ampliamento di edifici (FAQ 3.7 e 3.8): la verifica viene ora effettuata solo se viene attivato il flag "Parametri e opzioni | Opzioni di calcolo | Edificio sottoposto a ristrutturazione rilevante (D. LGs. 28/2011)"
    4) verifica di eta100 e COP in caso di generatori per servizio solo di ACS (FAQ 2.39): la verifica non viene più effettuata
    5) PDC a gas (FAQ 3.19): il valore di SPF è determinato come rapporto fra SCOP e 0.46. Il valore di SPF è utilizzato all'interno della formula di calcolo dell'energia rinnovabile estratta dalle pompe
  • Inserimento nuovo vano: introdotta la possibilità di specificare per i solai l'eventuale zona confinante e se escludere l'elemento dalle verifiche (in caso di elemento preesistente in ristrutturazione o ampliamento)
  • Inserimento parete composta: introdotta la possibilità di specificare il numero di infissi, porte, parapetti e cassonetti della medesima tipologia da inserire
  • Archivio strutture verticali e orizzontali: introdotta la possibilità di effettuare la verifica della condensa direttamente all'interno dell'archivio (omonima funzione associata al tasto destro del mouse e/o al pulsante Operazioni)

Versione v10.01

  • Aggiunte 140 nuove strutture verticali ed orizzontali, con relativa stratigrafia, suddivise nelle seguenti categorie:

    - Murature in blocchi tipo "Poroton"
    - Elementi in calcestruzzo
    - Pareti in legno
    - Tramezzature

    - Solai interpiano in latero-cemento
    - Solai interpiano tipo "Predalles"
    - Solai interpiano in legno
    - Solai di copertura in latero-cemento
    - Solai di copertura tipo "Predalles"
    - Solai di copertura in legno
  • Nuova funzione "Bilancio Edificio-Impianto" per l'analisi approfondita del sistema. Sarà possibile visualizzare, tramite diversi grafici a torta, la ripartizione dei fabbisogni di energia per i singoli servizi e, per ciascuno di essi, il relativo dettaglio. Ad esempio, per il riscaldamento, sarà possibile visualizzare la percentuale di incidenza sul totale dei sottosistemi di generazione, distribuzione, regolazione ed emissione e le perdite per ventilazione e per trasmissione dei componenti dell'involucro
  • Nuovo wizard "interventi migliorativi" che, all'interno della funzione "Bilancio Edificio-Impianto", suggerisce quali interventi possano incidere maggiormente sul miglioramento della prestazione energetica dell'edificio evidenziando quali strutture disperdenti e/o componenti dell'impianto dovrebbero essere oggetto di intervento
  • Interfaccia utente: introdotto nuovo pannello dei comandi, sensibile al contesto, che mostra tutte le operazioni disponibili all'interno della sezione attiva in quel momento. Il pannello, che di default scompare dopo l'utilizzo, può essere lasciato permanentemente aperto utilizzando l'icona “a forma di puntina”
  • Interfaccia utente: all'interno del nuovo pannello dei comandi è ora sempre visibile un riepilogo dell'elemento disperdente selezionato con le principali proprietà e la relativa stratigrafia
  • Elementi disperdenti: introdotta la possibilità di gestire fino a 9 segnalibri (bookmark). Il segnalibro può essere impostato mediante uno dei tasti numerici situati nel pannello dei comandi o con le apposite funzioni del menu contestuale associato al tasto destro del mouse
  • Possibilità di importare pratiche da Euclide IFC, l'applicativo per creare computi metrici e certificazioni energetiche a partire da file IFC
Pagina 1 di 18 (534 novità)Prev1234567161718Next
Versione: v10.01c
 -APE Regione Toscana: adeguamento del software al nuovo tracciato di scambio .xml “APEx2015_[ridotto]_(v12).xsd” entrato in vigore il 21 maggio 2019
Versione: v10.01b
 -Adeguamento del software alla norma UNI/TS 11300-2:2019, entrata in vigore in data odierna (8 maggio 2019), che prevede la possibilità di calcolare i fabbisogni energetici di acqua calda sanitaria anche in presenza di recuperatori di calore dai reflui delle docce. I dati dei recuperatori di calore devono essere indicati per ciascuna zona nella pagina ACS
 -Nuovo comando "Sostituisci struttura singolo elemento" che permette di sostituire la struttura dell'elemento dell'elemento selezionato. Ricordiamo altresì che è disponibile la funzione Strutture | Sostituisci strutture che permette invece di sostituire tutte le strutture di quel tipo presenti nel documento

 -Aggiornamento della tabella dei comuni
Versione: v10.01a
 -Aggiornamento alle nuove FAQ del MiSE "Chiarimenti in materia di efficienza energetica in edilizia" pubblicate nel mese di dicembre 2018:
1) verifica della trasmittanza media (FAQ 3.19): la verifica della trasmittanza delle strutture, comprensive di ponti termici, viene ora effettuata per tutte le strutture della stessa tipologia indipendentemente dall'orientamento, raggruppandole per:
- Strutture opache verticali
- Strutture opache orizzontali o inclinate di copertura
- Strutture opache orizzontali di pavimento;
come da Appendice B del Decreto 26 giugno 2015 “Decreto requisiti minimi”
2) verifica della condensa interstiziale (FAQ 3.11): la verifica tiene ora conto della evaporazione (così da considerare la condensa presente alla fine del ciclo annuale)
3) verifica delle fonti rinnovabili in caso di ampliamento di edifici (FAQ 3.7 e 3.8): la verifica viene ora effettuata solo se viene attivato il flag "Parametri e opzioni | Opzioni di calcolo | Edificio sottoposto a ristrutturazione rilevante (D. LGs. 28/2011)"
4) verifica di eta100 e COP in caso di generatori per servizio solo di ACS (FAQ 2.39): la verifica non viene più effettuata
5) PDC a gas (FAQ 3.19): il valore di SPF è determinato come rapporto fra SCOP e 0.46. Il valore di SPF è utilizzato all'interno della formula di calcolo dell'energia rinnovabile estratta dalle pompe
 -Inserimento nuovo vano: introdotta la possibilità di specificare per i solai l'eventuale zona confinante e se escludere l'elemento dalle verifiche (in caso di elemento preesistente in ristrutturazione o ampliamento)
 -Inserimento parete composta: introdotta la possibilità di specificare il numero di infissi, porte, parapetti e cassonetti della medesima tipologia da inserire
 -Archivio strutture verticali e orizzontali: introdotta la possibilità di effettuare la verifica della condensa direttamente all'interno dell'archivio (omonima funzione associata al tasto destro del mouse e/o al pulsante Operazioni)

Versione: v10.01
 -Aggiunte 140 nuove strutture verticali ed orizzontali, con relativa stratigrafia, suddivise nelle seguenti categorie:

- Murature in blocchi tipo "Poroton"
- Elementi in calcestruzzo
- Pareti in legno
- Tramezzature

- Solai interpiano in latero-cemento
- Solai interpiano tipo "Predalles"
- Solai interpiano in legno
- Solai di copertura in latero-cemento
- Solai di copertura tipo "Predalles"
- Solai di copertura in legno
 -Nuova funzione "Bilancio Edificio-Impianto" per l'analisi approfondita del sistema. Sarà possibile visualizzare, tramite diversi grafici a torta, la ripartizione dei fabbisogni di energia per i singoli servizi e, per ciascuno di essi, il relativo dettaglio. Ad esempio, per il riscaldamento, sarà possibile visualizzare la percentuale di incidenza sul totale dei sottosistemi di generazione, distribuzione, regolazione ed emissione e le perdite per ventilazione e per trasmissione dei componenti dell'involucro
 -Nuovo wizard "interventi migliorativi" che, all'interno della funzione "Bilancio Edificio-Impianto", suggerisce quali interventi possano incidere maggiormente sul miglioramento della prestazione energetica dell'edificio evidenziando quali strutture disperdenti e/o componenti dell'impianto dovrebbero essere oggetto di intervento
 -Interfaccia utente: introdotto nuovo pannello dei comandi, sensibile al contesto, che mostra tutte le operazioni disponibili all'interno della sezione attiva in quel momento. Il pannello, che di default scompare dopo l'utilizzo, può essere lasciato permanentemente aperto utilizzando l'icona “a forma di puntina”
 -Interfaccia utente: all'interno del nuovo pannello dei comandi è ora sempre visibile un riepilogo dell'elemento disperdente selezionato con le principali proprietà e la relativa stratigrafia
 -Elementi disperdenti: introdotta la possibilità di gestire fino a 9 segnalibri (bookmark). Il segnalibro può essere impostato mediante uno dei tasti numerici situati nel pannello dei comandi o con le apposite funzioni del menu contestuale associato al tasto destro del mouse
 -Possibilità di importare pratiche da Euclide IFC, l'applicativo per creare computi metrici e certificazioni energetiche a partire da file IFC
Versione: 9.01n
 -Archivio dati climatici: risolta problematica relativa al comune di Mappano (TO)
Versione: 9.01l
 -Esportazione XML: aggiunti nuovi controlli formali sul file
Versione: 9.01i
 -Adeguamento protezione per nuove chiavi hardware driverless
Versione: 9.01h
 -APE Regione Friuli Venezia Giulia: adeguamento del software al nuovo tracciato di scambio .xml “APEx2015_[completo]_(v5).xsd” in vigore a partire dal 5 aprile 2018
 -APE Regione Lazio: adeguamento del software al nuovo tracciato di scambio .xml “APEx2015_[completo]_(v5).xsd”
Versione: 9.01g (Continua nella prossima pagina)
 -Gestione interventi migliorativi multipli: aggiunta la possibilità di modificare le strutture nel dettaglio. Attivando questa modalità verranno visualizzate tutte le tipologie di strutture raggruppate per "confine" e verrà offerta la possibilità di modificarne la stratigrafia
Pagina 1 di 18 (534 novità)Prev1234567161718Next